Analogue Circuit – DVD + CD

Sarà disponibile dal 15 ottobre 2012 il primo DVD live di John Foxx.
Il titolo è “Analogue Circuit” e il pacchetto contiene, oltre al DVD della ripresa della performance omonima al Roundhouse di Londra che risale a giugno 2010, due CD audio dello stesso show.
La set-list è una degna retrospettiva della carriera di Foxx con alcuni brani dei primi Ultravox – con Robin Simon alla chitarra – passando per la pietra miliare Metamatic fino al debutto degli inediti de The Maths.
Il filmato live – girato con più telecamere in uno dei luoghi più importanti e più caratteristici di Londra – è arricchito dalla surreale grafica cut-up del VJ Barnbrook. Gli extra comprendono una galleria fotografica, i film per Interplay dello stesso Barnbrook, un’ intervista per la rivista Future Music rilasciata poco prima che la band andasse in scena e un filmato del regista Alex Proyas (I Robot)

Tracklist:

01.Parallel Lives / Film One
02.Plaza
03.This City
04.Burning Car
05.He’s A Liquid
06.No-One Driving
07.Underpass
08.The Running Man
09.Summerland
10.Watching A Building On Fire
11.Catwalk
12.Dislocation
13.Quiet Men
14.Slow Motion
15.The Good Shadow
16.The Man Who Dies Every Day
17.Just For A Moment

Gli stessi brani vengono divisi fra i due CD. Il pacchetto può essere ordinato ora da Townsend Records al prezzo di LST 25,50.                      FM

Ancona 1 \ Miles Away …un lungo viaggio per un concerto da sogno

parole e foto di Federica Martini

300 km in macchina in una giornata assolata di fine luglio per assistere al concerto di John Foxx And The Maths ad Ancona, ne valeva la pena? Forse qualcuno potrebbe chiederselo, la risposta è si, un si pieno, totale. Arriviamo ad Ancona nel mezzo del pomeriggio, il tempo del check-in in hotel e siamo già giù, davanti a noi Porta Pia, il mare di questa splendida città e sulla sinistra la Mole Vanvitelliana (o Lazzaretto come un tempo lo si chiamava) dove si svolgerà il concerto. Incontriamo un paio di amici che sapevamo sarebbero venuti e ci dirigiamo alla Mole chiacchierando.

La prima sorpresa ci attende dentro: John Foxx & The Maths sono alle prese con il soundcheck. Nessuno ci allontana o ci impedisce di scattare fotografie e noi restiamo a goderci questo ulteriore “bonus” imprevisto, anzi, alcuni minuti dopo si aggiungono alla nostra comitiva altri amici. Già dal soundcheck si intuisce che il suono sarà potente, elettrico, da brividi, Foxx divaga in alcuni momenti forse per provare la voce ma per noi l’illusione è quella dell’embrione di qualche nuovo pezzo. Ci permettiamo di disturbare Mr Foxx alla fine per qualche foto a cui lui gentilmente e pazientemente si presta volentieri nonostante il caldo torrido e la stanchezza.

Rientriamo per il concerto quando Øe con il suo “Transfer” ha già aperto. Il cortile interno del Lazzaretto inizia e riempirsi, un pubblico eterogeneo di vecchi e nuovi fans, chi seduto, chi in piedi, attende inizi la “magia”. E di magia si è trattato.. dall’inizio alla fine.. dai brani vecchi come “No One Driving” e “Hiroshima Mon Amour” a quelli nuovi come il potentissimo “Shatterproof” e la magnetica “Interplay”, e tutti, indistintamente e perfettamente ammalgamati e legati in una logica di continuità che solo un grande artista fedele e coerente a se stesso può trovare in più di trent’anni di carriera. La band lo segue arricchendo e rinfrescando il suono portandolo ad un’attualità sorprendente ma il fulcro è sempre lui, senza ombra di dubbio. Un codice che ognuno abbia seguito la sua carriera riconosce benissimo, un transfert elettrico che realmente esiste.

Tutto questo paradossalmente fa apparire la finale con “Underpass” (pur bellissima) quasi solo un omaggio ai vecchi fans: c’è ancora molto da dire, questa è solo una parte, si continua.. L’esperienza ci lascia entusiasti, prima di ritornare in holtel c’è ancora un momento per i saluti e i ringraziamenti, le foto e gli autografi.. cosa potreste dire ad un artista di questo calibro avendone la possibilità? Nulla se non ringraziarlo. Lei continua Mr Foxx? Bene, noi la seguiremo, da qualsiasi parte ci porterà già sappiamo sarà un luogo bellissimo!

John Foxx And The Maths live in Ancona!

Image

Ancora non c’è annuncio “ufficiale” ma grazie alla nostra cacciatrice di volpe Federica, abbiamo saputo in anteprima di una performance live strepitosa che avverrà ad Ancona a luglio nell’ambito di Aqusmatic 7.0, il festival annuale di musica elettronica.

Infatti il 28 luglio prossimo si esibiranno Foxx con Benge, e speriamo anche Hannah Peel e Serafina Steer, i Maths al completo – alla Mole Vanvitelliana della città marchigiana, con supporter Øe, sound artist e graphic designer italiano. Il tutto ad un prezzo irrisorio di € 15 ! Veramante un’occasione unica per i fans italiani.

In attesa di ulteriori dettagli, e il nuovo sito di Acusmatiq, godiamoci i Maths dal vivo con uan splendida Evergreen, live in Madrid il 26 maggio scorso.

The Field in Italia

segnaliamo una news pubblicata su rockol.it di un artista che ci sembrava interessante:

Sta per sbarcare in Italia Axel Willner, musicista svedese conosciuto con lo pseudonimo The Field. Il produttore elettronico scandinavo sarà di scena il prossimo weekend per tre date nella nostra Penisola: venerdì 2 dicembre al Bitte Club di Milano (ingresso 10 euro con tessera Arci), sabato 3 all’Auditorium San Domenico di Foligno (Pg) e domenica 4 al Bronson di Madonna dell’Albero (nei pressi di Ravenna, ingresso 15 euro). The Field presenterà il suo ultimo album “Looping state of mind”, terzo capitolo discografico edito dall’etichetta tedesca Kompakt, un disco incentrato sull’uso dei loop ed atmosfere in bilico tra psichedelia, kraut-rock e techno-minimal.